Return top

Il Fondatore

La vita, l’impegno e i valori di Valter Baldaccini

Valter Baldaccini, Fondatore di UMBRAGROUP, è stato un uomo di fede, un imprenditore illuminato e una persona che ha sempre avuto a cuore la propria comunità.

Le origini: famiglia e studi

Nato nel 1945 a Cannara, un picciolo paese della provincia perugina, frequenta prima le scuole salesiane e poi si laurea in Ingegneria meccanica all’Università di Pisa. 

La sua è una famiglia di umili origini e profondamente cristiana. Orfano di padre, saranno le donne di casa a trasmettergli i valori che hanno caratterizzato ogni aspetto della sua vita, sia professionale che lavorativa.

La famiglia per Valter è il bene più prezioso. Sposato con Mariangela, ha tre figli: Antonio, Leonardo e Beatrice, che crescerà con amore e con valori cristiani.

Valter e il lavoro

Appena laureato nel 1972 inizia a lavorare alla Umbra Cuscinetti, oggi UMBRAGROUP, come Responsabile dell’Ufficio tecnico. Grazie alle sue doti umane e professionali, Valter assume incarichi sempre più importanti: Direttore di produzione, Direttore di stabilimento, Direttore generale, fino a divenire nel 1993 imprenditore e Amministratore Delegato della Umbra Cuscinetti, dopo l’operazione di management buy out, di cui si fa promotore e che gli consente di acquistare le azioni dell’azienda con altri investitori. 

È una visione lungimirante che guida le scelte di Valter, consapevole che la crescita passa attraverso delle sfide: è Valter che promuove il processo di diversificazione dei prodotti, le numerose acquisizioni, la costruzione di un nuovo stabilimento, l’azionariato diffuso, fino a far diventare la UMBRAGROUP un brand internazionale, leader nei settori in cui opera.

Per Valter al centro dell’impresa c’è la persona, che è il vero capitale dell’attività produttiva. È guidato da un forte senso di responsabilità verso i propri collaboratori, i loro familiari e tutta la comunità: per Valter, l’azienda, deve creare ricchezza, per poi distribuirla internamente tra tutti i suoi stakeholder e nel territorio, sempre con uno sguardo rivolto anche verso il prossimo più in difficoltà.

Valter e l’amore concreto verso il prossimo

La prima occasione in cui si concretizza la sua attenzione verso il prossimo è nel 1966, quando Valter è tra i volontari che vanno in aiuto alle popolazioni colpite dall’esondazione del fiume Arno. Lì conosce il movimento dei Focolari con il quale avvierà diversi progetti umanitari in Africa: il loro messaggio di fratellanza e comunione lo influenzerà profondamente nel suo essere uomo e imprenditore. 

  • Dal 2006 si impegna a realizzare progetti locali e internazionali, a favore degli ultimi. Valter segue di persona le varie attività portando con sé, soprattutto in Kenya e in Burkina Faso, gruppi di suoi collaboratori;
  • Nel 2009 partecipa come socio fondatore alla creazione dell’organizzazione no profit “La Gomena” con la quale prosegue gli impegni già avviati negli anni precedenti.

Per questa sua straordinaria umanità sarà invitato, nel 2009, dal Vescovo della Diocesi di Assisi ad entrare nel Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Serafico, realtà che si prende cura di ragazzi con gravi disabilità. 

Valter passa a vita eterna il 4 maggio 2014. È una folla molto numerosa, oltre 3000 persone, a dargli l’ultimo saluto durante la cerimonia celebrata allo stadio di Cannara. Da una delle frasi che pronuncia durante l’ultimo discorso ai suoi collaboratori: “Insieme abbiamo gettato un grande seme che diventerà una grande pianta”, un anno dopo nasce la Fondazione a lui intitolata. 

La Fondazione Valter Baldaccini ogni giorno si impegna a tenere viva la sua memoria e a continuare, con i tanti progetti, ad aiutare le persone più in difficoltà.

Condividi su