UMBRAGROUP

Sistema di Compliance Aziendale

Il sistema di responsabilità amministrativa

Il Decreto Legislativo n. 231 dell'8 Giugno 2001 (“Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica a norma dell’art. 11 della Legge 29 Settembre 2000, n. 300”, emessa in ottemperanza alle direttive della Comunità Europea), ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano un regime di responsabilità amministrativa dipendente da reato, a carico degli enti forniti di personalità giuridica, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, superando la tradizionale visione fisico-individualista dell’illecito e della conseguente responsabilità penale.

A chi rispondono le aziende?

In base al D.lgs. 231/2001 le Società rispondono per la commissione o la tentata commissione, in Italia o all’estero, di reati commessi da soggetti ad esse funzionalmente legati e commessi nell'interesse o a vantaggio delle Società stesse. L’inosservanza della disciplina contenuta nel Decreto può comportare per l’ente sanzioni (pecuniare e/o interdittive) che possono incidere fortemente anche sull’esercizio della propria attività. Il Decreto prevede l’esclusione di responsabilità delle Società solo qualora dimostri che:

  • il Consiglio di Amministrazione ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, un Modello idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi;
  • il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza del Modello e di curare il loro aggiornamento è stato affidato ad un organismo dell’ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo (Organismo di Vigilanza);
  • le persone hanno commesso il reato eludendo fraudolentemente il Modello;
  • non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dell’Organismo di Vigilanza.

Le regole di UMBRAGROUP S.p.A.

UMBRAGROUP S.p.A. dispone di un complesso di regole, processi e di procedure finalizzate alla prevenzione dei reati attraverso l’adozione di un adeguato sistema organizzativo di gestione e controllo. Dal 29 luglio 2014 la Società si è dotata di un “Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo” previsto dall’art. 6 del D. Lgs. n. 231/01, ispirato alle linee guida di Confindustria, approvate il 7 marzo 2002 e aggiornate nell’aprile 2008.

Richiedi il Modello all'indirizzo e-mail HR@umbragroup.it

Organismo di vigilanza

Presidente: Cristiana Buchetti
Membro: Daria Pinotti

L’adozione del Modello Organizzativo, in base alla normativa del D.Lgs. 231/2001, prevede che, l'efficace attuazione dello stesso, oltre all'istituzione di un sistema disciplinare, sia effettuata mediante una sua verifica periodica, che può essere svolta solo da parte dell'organismo a ciò appositamente dedicato.

Le attività che l’Organismo di Vigilanza è chiamato ad assolvere possono essere riassunte come di seguito:

  • vigilanza sull'effettività del modello, che si sostanzia nella verifica della coerenza tra i comportamenti concreti ed il modello istituito;
  • disamina in merito all’adeguatezza del modello, ossia della sua reale capacità di prevenire i comportamenti non voluti;
  • analisi circa il mantenimento nel tempo dei requisiti di solidità e funzionalità del modello;
  • cura del necessario aggiornamento in senso dinamico del modello, nell’ipotesi in cui le analisi operate rendano necessario effettuare correzioni per garantire che il modello si mantenga adeguato nel tempo; segnalazione per gli opportuni provvedimenti, di quelle violazioni accertate del modello organizzativo che possano comportare l’insorgere di una responsabilità in capo alla società.
Condividi


UMBRAGROUP